Menu

Per le PMI, usare per la collaborazione sul posto di lavoro strumenti Social Esterni, fruibili in Cloud Computing, è meglio!

I dati dell'indagine sulla Collaboration OnLine presentati a WPC 2013, la Worldwide Partner Conference di Microsoft in corso a Houston.

Tanto le grandi aziende, quanto le PMI ormai fanno un uso regolare degli strumenti Social per gestire la collaborazione e la comunicazione aziendale. Tra questi, rientrano le Intranet, i sistemi di videoconferenza ed i Social Network. In realtà, sebbene le esigenze tra le due diverse tipologie di aziende siano di fatto omogenee, stando all'indagine presentata da Microsoft nel corso della sua annuale Worldwide Partner Conference, le PMI e le Grandi Aziende sviluppano i servizi di Collaboration in modo estremamente differente. 

Lo studio, condotto dalla società di ricerca Ipsos su un campione di quasi 10.000 utenti appartenenti a PMI e grandi aziende in 32 Paesi diversi, rivela che, oltre a utilizzare soluzioni come intranet e messaggistica istantanea, le PMI sono più propense ad utilizzare molteplici strumenti social esterni per scopi professionali. Nelle grandi aziende, invece, è più probabile che vengano adottati meno strumenti di collaborazione.

"Le tecnologie di social collaboration rappresentano un’opportunità in crescita per i partner in virtù della grande domanda da parte degli utenti finali sia di grandi aziende che di PMI ", ha dichiarato Jon Roskill, Corporate Vice President, Worldwide Partner Group di Microsoft. “In ogni caso, ciascun segmento utilizza queste tecnologie in modo diverso, con le PMI che puntano su public FTP/cloud storage, social network esterni, piattaforme di blogging, e le grandi aziende che, al contrario, preferiscono chiaramente le intranet, i team site e le videoconferenze. Queste differenze rappresentano un'opportunità imperdibile per i partner e ci stiamo impegnando per aiutarli a capitalizzare il potenziale di quest’area. Siamo convinti che Microsoft disponga delle competenze, del portfolio e della visione necessari per trasformare in realtà il futuro della collaborazione sul posto di lavoro".

Le principali differenze distintive emerse dallo studio nell'impiego degli strumenti per la collaborazione 

Nonostante, sia nelle grandi aziende che nelle PMI, gli strumenti Social siano principalmente utilizzati per la comunicazione tra colleghi (7 su 10 utenti finali del campione totale), nelle aziende più piccole tali strumenti vengono utilizzati per svolgere una più ampia varietà di attività, tra le quali la comunicazione con consumatori, clienti o fornitori e la ricerca di consumatori, clienti e concorrenti. Per contro, è più probabile che gli utenti finali delle grandi aziende utilizzino gli strumenti Social per trovare un esperto o un’informazione all’interno della loro azienda. 

Esistono inoltre ancora consistenti ostacoli all’adozione, sia nelle grandi aziende che nelle PMI. In entrambi i casi, al primo posto si colloca la sicurezza (71% degli utenti finali delle grandi aziende vs. il 60% di quelli delle PMI) seguita dai rischi di calo della produttività percepiti da 58% delle grandi aziende e dal 59% delle PMI. 

Gli utenti finali delle grandi aziende sono più inclini ad affermare che i loro reparti IT possono rappresentare una barriera all’utilizzo degli strumenti social (41% nelle grandi aziende vs. il 36% nelle PMI)

Nelle grandi aziende è più probabile che l’utilizzo degli strumenti social sul posto di lavoro sia regolamentato per preoccupazioni legate all’immagine aziendale (27% vs. 21% nelle PMI) o alla perdita di dati (25% nelle grandi aziende vs. 22% nelle PMI).

Gli effetti della consumerizzazione dell'IT sulla Collaboration

"La consumerizzazione dell'IT ha cambiato le fondamenta della comunicazione aziendale e gli strumenti enterprise social sul posto di lavoro seguono ora un modello ‘bring your own device’", ha affermato Rebecca Sizelove, Associate Vice President, Ipsos Public Affairs. "Tuttavia, esistono differenze sostanziali nel modo in cui le PMI e le grandi aziende utilizzano questi strumenti, e gli IT decision maker necessitano ancora di formazione per comprendere appieno i potenziali vantaggi di questi strumenti social. Ciò determina un’opportunità per i fornitori IT che possono diffondere consapevolezza su questi strumenti e venderli ad aziende di qualsiasi dimensione".

Collaboration e Social Network nelle PMI

La Microsoft Worldwide Partner Conference (WPC) è un evento della durata di quattro giorni, tenutosi quest’anno a Houston dall’8 all’11 luglio davanti ad oltre 14.000 partecipanti provenienti da 150 Paesi diversi del mondo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok