Menu

Una APP in difesa delle donne. E non solo...

Sviluppata da due giovani imprenditrici genovesi, Siamo Sicure è una APP che trasforma il telefonino in un Allarme Tascabile geolocalizzato per chiedere aiuto e lanciare una sirena alla sola pressione di un tasto

Contro la violenza sulle donne e sui minori, senza radicali interventi di educazione sociale e drastici provvedimenti legislativi e giudiziari si può fare ben poco. Ma in quel poco, si colloca la APP sviluppata dalle due giovani fondatrici della Kulta, Michela Paparella e Valentina Vimercati, che l'hanno realizzata principalmente per tutela personale, uscendo spesso a tarda sera dalla loro Web Agency, situata nella periferia di Genova. Così, coniugando mestiere, creatività e solidarietà con le donne, hanno deciso di trasformare l'applicazione nella APP "Siamo Sicure" scaricabile gratuitamente dai principali APP Store, oltre che dal sito ad essa dedicata.

Le funzioni di base di Siamo Sicure

Siamo-SicureSi tratta di una applicazione piuttosto semplice da descrivere e da usare. In sostanza, sfruttando le capacità di un qualsiasi telefonino moderno, alla sola pressione di un tasto svolge varie funzioni di "assistenza" alla persona aggredita. Già, perché sebbene il telefonino sia ormai sempre nelle tasche o nelle borsette di chiunque - donne, ragazze, ma anche anziani e bambini - e in caso di allarme basterebbe telefonare a chi potrebbe fornire aiuto, in caso di aggressione è difficile avere il tempo di comporre il numero, di indicare con esattezza dove ci si trova, di "rubare" al malvivente quei pochi decimi di secondo che possono fare la differenza tra rimanere vittime e liberarsi dell'aggressore.

Così, con la APP "Siamo Sicure", dopo averla configurata, tutto diventa automatico: alla pressione di un solo tasto, che magari si predispone sullo schermo prima di uscire, il cellulare lancia una sirena di allarme - che probabilmente crea nell'aggressore quell'attimo di esitazione utile a sfuggirgli - manda messaggi e fa telefonate alla lista dei contatti che si è deciso di interpellare in caso di problemi, aggiungendovi, sempre in automatico, la posizione geografica esatta di dove ci si trova.

Tra i destinatari dei messaggi si possono inserire i propri congiunti, ma anche i carabinieri e la polizia che in tal modo avranno gli elementi per intervenire il più rapidamente possibile.

In Siamo Sicure, anche un decalogo comportamentale

Tra le varie sezioni della APP si ha anche un Decalogo che suggerisce i comportamenti e le precauzioni da prendere per ridurre al massimo i rischi di rimanere vittime di azioni vigliacche e deplorevoli da parte di squilibrati, malviventi o persone che non si fanno scrupoli di fare violenza alle donne.

Il decalogo è stato sviluppato sulla base di una serie di indicazioni raccolte dalla Polizia e dai Carabinieri sulla base delle osservazioni delle situazioni più ricorrenti in caso di aggressione. Si tratta di un elenco di regole che aiutano a prevenire la situazione di pericolo e a ridurne i rischi. Tra queste, ad esempio, come rendersi un un bersaglio difficile, i comportamenti verbali da tenere, a quali elementi fare attenzione.

Per saperne di più, vistare direttamente il sito di Siamo Sicure: www.siamosicure.it.

La APP è totalmente gratuita e priva di alcun intento commerciale: Michela e Valentina hanno voluto così fare un dono ed un gesto di solidarietà a favore di tutte le donne e non solo!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok