Menu

Ridurre la complessità per diminuire i costi di gestione dei Data Center

I risultati dell'edizione 2012 dell'indagine State of the Data Center di Symantec: Mobile Computing, virtualizzazione e Cloud contribuiscono ad aumentare la complessità dei Data Center: serve maggiore Information Governance

Symantec Corp. (Nasdaq: SYMC) ha presentato i risultati dell'indagine State of the Data Center Survey 2012. Dai dati emerge che il 79% delle aziende ha riportato una significativa crescita della complessità dei   propri Data Center.

L'indagine, che fornisce informazioni sulle problematiche generate dalle continue trasformazioni dei Data Center, mette in evidenza le cause della complessità, gli impatti attuali sul business e le iniziative che le Direzioni IT stanno adottando per ridurre tali problemi.
Se le cause della complessità del Data Center sono riconducibili a vari fattori, la principale iniziativa che le aziende stanno attuando per affrontare i crescenti problemi dei Data Center è l’implementazione di strategie di Information Governance.

I risultati della State of the Data Center Survey sottolineano l’importanza dell’adozione di misure per gestire in maniera intelligente le risorse organizzative per contenere i costi operativi e controllare la crescita delle informazioni.

" Le aziende di oggi generano un numero crescente di informazioni e introducono nuove tecnologie nel data center, questi cambiamenti possono agire o come vela per prendere il vento e accelerare la crescita, o come ancora che fa da freno,” è l'opinione di Brian Dye, vice president, Information Intelligence Group Symantec. “La differenza sta nelle mani delle aziende stesse, che possono affrontare tali sfide di petto, implementando controlli come la standardizzazione o stabilendo una strategia di information governance per impedire alle informazioni di diventare un peso”.

La complessità del data center è pervasiva

Aziende di ogni dimensione, settore o area geografica hanno segnalato la continua crescita della complessità dei propri Data Center, con impatti diretti su tutte le aree del computing, a cominciare dalla sicurezza e dalle infrastrutture, seguite dalle aree di Disaster Recovery, Storage e Compliance.

Gli intervistati hanno valutato la complessità di tutte le aree in modo piuttosto omogeneo (6.6 o superiore su 10), con la sicurezza in cima alla lista a 7.1. Il livello medio di complessità per le aziende di tutto il mondo è pari a 6.7. In media, le aziende nelle Americhe hanno ricevuto la valutazione del livello di complessità più alta (7.8), e quelle in Asia-Pacifico/Giappone si sono classificate al livello più basso (6.2).

Effetti della complessità diversi, ma tutti molto onerosi

Diversi fattori sono alla base della complessità dei Data Center. In primo luogo, gli intervistati hanno riferito di avere a che fare con un numero crescente di applicazioni catalogabile a loro parere come business-critical.

Il 60% ha affermato che il numero di applicazioni business-critical è in aumento o in forte crescita. Altri importanti fattori di complessità dei Data Center sono correlabili alla crescita di fattori quali il Mobile Computing (citato dal 44% degli intervistati), la virtualizzazione dei Server (43%), l'adozione di piattaforme di Cloud pubblico (41%).Principali cause di aumento della complessità dei Data Center

L'indagine ha rivelato che gli effetti della crescente complessità dei Data Center sono di vasta portata. L'impatto più comunemente menzionato è l’aumento dei costi, con quasi la metà delle aziende che lo cita come uno degli effetti della complessità. Altri aree di impatto includono la riduzione della flessibilità (39%), i tempi più lunghi per la migrazione dello Storage (39%) ed il suo ampliamento (38%), le violazioni della sicurezza (35%), e i momenti di fermo dei sistemi (35%).Effetti direttamente imputabili all'aumento della complessità

L'azienda tipo ha sperimentato una media di 16 interruzioni nell'erogazione dei servizi negli ultimi 12 mesi, per un costo totale di 5,1 milioni di dollari. La causa più comune è stata il guasto del sistema, seguito dall’errore umano e dalle catastrofi naturali.

I provvedimenti per ridurre la complessità

Stando alla ricerca, le aziende stanno adottando diverse misure per ridurre la complessità, compresa la formazione, la standardizzazione, la centralizzazione, la virtualizzazione e l'aumento del budget. Infatti, il 63% degli intervistati considera l’aumento del proprio budget alquanto o molto importante per affrontare le complessità del data center. Tuttavia, la singola iniziativa più grande che le aziende hanno intrapreso è quella di attuare una strategia completa di information governance, definita come programma formale che consente alle aziende di classificare in modo proattivo, conservare e reperire informazioni al fine di ridurre il rischio per le informazioni, ridurre i costi di gestione delle informazioni, stabilire delle Policy di Retention e semplificare il processo di eDiscovery.

Il 90% delle aziende sta pensando di utilizzare l’Information Governance, o ha messo in atto prove o programmi reali.

Le motivazioni più forti che spingono all’adozione di strategie per l’Information Governance comprendono la sicurezza (considerata alquanto o estremamente importante per il 75% degli intervistati), la disponibilità di nuove tecnologie che rendono più facile la gestione delle informazioni (69%), l’aumento della complessità dei Data Center (65%), la crescita dei dati (65%), problematiche normative e legali (rispettivamente 61% e 56%).

Le aziende hanno diversi obiettivi relativamente all'Information Governance, tra le quali una maggiore sicurezza (considerata importante dal 75%), la facilità di trovare le informazioni giuste in modo tempestivo (70%), la riduzione dei costi di gestione delle informazioni (69%) e di Storage (68%), la riduzione dei rischi legali e di conformità (rispettivamente 65% e 64%) ed il passaggio al Cloud (59%).

Raccomandazioni

Di seguito sono riportate alcune raccomandazioni per il personale IT per mitigare gli effetti derivanti dalla complessità dei Data Center.

  1. Nominare un responsabile di alto livello per l'Information Governance. Iniziare con progetti di ROI elevati quali la Data Loss Prevention, l'archiviazione e l’eDiscovery per conservare le informazioni critiche, trovare quello che serve ed eliminare il resto.
  2. Garantirsi la massimavisibilità al di là delle piattaforme. Comprendere i servizi di business offerti dall’IT e tutte le attività legate ai servizi e messe in atto per ridurre i fermi di sistema ed i problemi di comunicazione.
  3. Individuare gli Asset IT, capire come vengono utilizzati e da chi. Ciò contribuirà a ridurre i costi ed i rischi. Questo vuole anche dire evitare all’azienda di acquistare Server e Storage se non risulta strettamente necessario. Inoltre, i team saranno ritenuti responsabili di quello che usano così che l’azienda potrà essere certa di non rimanere mai a corto delle capacità necessarie.
  4. Ridurre il numero di applicazioni di Backup per soddisfare le SLA di Recovery e ridurre gli investimenti in strutture fisse, i costi operativi e di formazione.
  5. Adottare la deduplicazione dei dati ovunque possibile per evitare un'ingiustificata esplosione dei dati da gestire e ridurre i costi crescenti che ne derivano con il Backup dei dati.
  6. Utilizzare le Appliance per semplificare le operazioni di Backup e Recovery su macchine fisiche e virtuali.

Informazioni sulla 2012 State of the Data Center Survey

La ricerca di Symantec, ‘2012 State of the Data Center Survey’ è stata condotta da ReRez Research nel mese di marzo 2012. I risultati si basano sulle risposte di 2.453 professionisti IT di aziende in 34 Paesi. Gli intervistati sono stati scelti tra il personale IT senior con funzioni operative e tattiche, così come tra coloro che si occupano della progettazione e della gestione IT.

Un'ampia sintesi dell'indagine è visibile QUI

Ultima modifica ilGiovedì, 07 Giugno 2018 18:37

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok