Menu

Technical Consumer Goods: Torna il Segno +. Si Riparte? I Dati GFK del II trimestre 2012

Con un giro d’affari appena superiore ai 4,1 miliardi di Euro, nel secondo trimestre 2012 il mercato dei Technical Consumer Goods (TCG) ha rivisto il segno “+” (+0,3%), cosa che non accadeva dal 2010. A trascinare la crescita il comparto della Telefonia, al quale si sono aggiunti i settori Informatica ed Elettronica di consumo. Trend negativi per tutti gli altri segmenti, nonostante le buone prestazioni di alcuni singoli prodotti.

Nel dettaglio, con un buon +19,2% la Telefonia ha trainato tutto il mercato, seguita da un timido +1,4% per l’Informatica ed un modesto +0,9% per l’Elettronica di Consumo. Trend negativi invece per Piccoli Elettrodomestici e Home Comfort (-3,9%), Fotografia (-6,7%), Grandi elettrodomestici (-8,5%) ed Office equipment (-10,0%).

Telefonia: per la prima volta, le vendite di SmartPhone hanno superato - in volume ed i valore - quelle dei tradizionali telefoni cellulari, segnando così una svolta irreversibile per il settore. Nel suo complesso, il mercato della telefonia ha quindi generato un fatturato superiore agli 830 milioni di euro, con trend assolutamente positivi per gli SmartPhone ed altrettanto negativi per le macchine Fax.

Informatica: tornata a far registrare un piccolo trend positivo (+1,4%), è arrivata ad un valore pari a circa 765 milioni di Euro. Tra i prodotti in forte crescita, come facilmente immaginabile, i Tablet multimediali che hanno triplicano il loro fatturato, anche a scapito delle vendite di Netbook, dimezzatesi rispetto all’anno scorso. In crescita anche le vendite di e-Reader Wifi, e Router.

Elettronica di consumo: piccolo segno positivo (+0,9%), ma importante inversione di tendenza rispetto agli ultimi periodi, con un giro d’affari che è arrivato ai 910 milioni di Euro. Andamento che va quasi totalmente ascritto agli andamenti più che positivi dei comparti TV e Set-Top-Box, spinti dal passaggio al digitale terrestre delle regioni del Sud Italia. Effetto durato quasi tre anni, che però andrà rapidamente ad esaurirsi visto che con l’estate 2012 si è concluso lo Switch-off di tutte le regioni d’Italia.

Per contro, in quasi tutti gli altri segmenti di prodotto sono stati registrati andamenti negativi. In particolare:

Tra i Piccoli Elettrodomestici, che generano un giro d’affari di circa 285 milioni di Euro, il trimestre si è chiuso con un calo del -3,9% rispetto al Q2 2011. Gli unici prodotti in crescita sono risultati gli epilatori con tecnologia a luce pulsata (IPL), i Robot aspirapolvere e le Kitchen Machines (macchine impastatrici). 

Il settore Fotografia è in caduta libera, con una flessione del 6,7% ed un fatturato attestatosi sui 146 milioni di Euro, in parte cannibalizzato dai telefoni cellulari dotati di macchina fotografica interna. Non per nulla, il prezzo medio di vendita è salito rispetto all’anno scorso, segno che a tenere è la fascia più alta del mercato, che però presenta numeri più piccoli rispetto al segmento dalle fotocamere compatte.

I Grandi Elettrodomestici sembrano aver rallentato il forte trend negativo fatto segnare nel recente passato, fermandosi ad un triste -8,5%. In particolare, le lavabiancheria di nuova generazione ed i frigoriferi a doppia porta con funzione no frost, grazie forse ai fattori di innovazione che portano stanno dando ottimistici segnali di inversione di tendenza.

Apparecchiature d’Ufficio: la crisi economica che porta molte aziende alla chiusura, il diffondersi di uffici in affitto “chiavi in mano”, il lavoro da casa e la digitalizzazione di molte procedure hanno inciso negativamente una volta di più sulle vendite che anche nel secondo trimestre 2012 anno chiuso con un secco -10,0%, fermandosi ad un fatturato totale di poco più di 391 milioni di Euro. Tra i prodotti più segnati da questo andamento le stampanti, sia a tecnologia laser che a getto d’inchiostro, oggetto di forti sconti e dell’aggressione delle Multifunzione offerte a prezzi estremamente ridotti. 

GfK TEMAX® è un rapporto sviluppato da GfK Retail and Technology per monitorare il mercato dei “Technical Consumer Goods”. Il 100% di riferimento è costituito dal Total Market: tutti i canali rilevati da GfK rivalutati del tasso di copertura stimato, e quindi comprensivi anche dei canali esclusi dalla rilevazione del panel. I dati di mercato sono ottenuti per mezzo di ricerche continuative condotte con metodologia Retail Panel. Il Panel utilizzato rappresenta più di 370.000 punti di vendita nel mondo. Il Gruppo GfK (www.gfk.com) è una delle più importanti società al mondo nel campo delle ricerche di mercato, con più di 11.000 esperti ed un fatturato 2011 di 1,37 miliardi di euro.

Ultima modifica ilVenerdì, 08 Giugno 2018 08:46

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok