Menu

Grande successo per .Net Campus, vetrina di un'altra Italia, quella dei giovani che studiano, si mettono in gioco e creano, anziché elemosinare posi di lavoro

900 tra studenti, neolaureati e giovani professionisi a Roma, 600 a Milano hanno popolato le 7 track parallele dove una trentita di docenti hanno offerto un'importante serie di corsi sulle nuove tecnologie di sviluppo Web, Cloud e non solo...

Nato per iniziativa di giovani professionisti dell'informatica nazionale, molti dei quali ancora legati a corsi universitari in fase di completamento, ma accomunati dall'interesse per le tecnologie informatiche sulle quali stanno puntando il loro futuro professionale, le due edizioni del .NET Campus - tenutesi rispettivamente a Roma e Milano, a fine marzo e inizio aprile, di sabato (e sottolineo Sabato) - hanno raccolto il meglio del meglio della nuova generazione di informatici che si affacciano al mercato italiano. Perché il "meglio del meglio"? Probabilmente sul piano tecnico, visto che le sessioni alle quali hanno assistito sono state di grande spessore e tutte proiettare sulle nuove tecnologie - dal Cloud Computing allo sviluppo Agile, dalla multimedialità, alle applicazioni di Social Networking - ma con certezza assoluta, a contare di più è la serietà con la quale questi ragazzi si stanno preparando ad entrare nel mondo del lavoro.

Scommettendo sulla loro professionalità, attraverso l'acquisizione di competenze che esulano dal loro corso universitario, dimostrano serietà e contemporaneamente diventano appetibili per le aziende che cercano professionisti, ma soprattutto si mettono in condizione di poter fare la propria strada senza dipendere da nessuno. Un esempio? Nonostante la giovane età, tra tutti, la trentina di Speaker dell'evento hanno pubblicato una quarantina di libri in italiano e inglese: Andrea Provaglio, Marco Russo, Paolo Pialorsi, Roberto Brunetti, Daniele Bochicchio, Andrea Saltarello, ciascuno nel suo campo è ormai divenuto una vera autorità con contratti a livello nazionale ed internazionale. Bravi!

E bravi anche gli organizzatori - altrettanto giovani e imprenditivi - che con pochi mezzi raccolti da alcuni sponsor attratti dalla possibilità di assumere o avviare collaborazioni con giovani professionisti, sono riusciti a mettere in piedi una manifestazione riuscitissima, con tanto di riprese televisive, puntualmente disponibili su youtube (http://bit.ly/eMb5Kc) e Facebook (http://on.fb.me/gNZ07i).

Al di là di ogni altra considerazione, questa iniziativa è un'eccellente risposta a tutti coloro i quali denunciano gli elevati livelli di disoccupazione giovanile, contestano nelle piazze, cercano raccomandazioni: c'è un'Italia di giovani che studiano, che ci mettono impegno, che come modello non hanno le veline, né Corona o i protagonisti del Grande Fratello. E trovano facilmente lavoro, potendo anche scegliere. Giovani che tuttavia vanno guidati e aiutati nella creazione di nuove imprese e iniziative - dando concretezza alle loro brillanti idee, che talvolta si scontano con le dure regole del mercato - senza indurli a credere nel mito del "posto fisso" che non si addice né ai tempi, né alle ambizioni di chi punta sulla professionalià come valore del proprio essere.

Tutti fattori perfettamente percepiti dagli Sponsor dell'iniziativa che, se da un lato vanno plauditi, dall'altro erano lì a fare incetta di curricula e a dare appuntamenti per colloqui di lavoro, vista la fame di personale competente e qualificato che attanaglia tutte le nostre imprese IT.

Un modello che va emulato e va seguito affinché possa avere positivi sbocchi anche per il futuro.

http://www.facebook.com/video/video.php?v=1926157001467

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok