Menu

Crescita dello Storage fuori controllo nei progetti di virtualizzazione

Sono le conclusioni alle quali è giunta l'indagine realizzata da DataCore Software sulle Direzioni IT di medie e grandi dimensioni di Stati Unit ed Europa.

Stando all'iindagine condotta da DataCore Software (http://www.datacore.com/storage-virtualization-viewpoint-blog.aspx), quasi metà delle imprese (43%) non sono in grado di prevedere l’impatto dello storage sui costi dei progetti di virtualizzazione, con frequenti cancellazioni o rinvii anche di iniziative già pianificate.

Altri elementi emersi dall’indagine realizzata da DataCore su oltre 450 strutture IT tra Nord America ed Europa indicano che:

  • Tra coloro che hanno implementato la virtualizzazione dei server, il 66 per cento ha citato un sostanziale incremento dei costi di storage come il problema più grande a cui far fronte. Quasi il 40 per cento sostiene che l’infrastruttura di storage rallenta le prestazioni applicative o limita la disponibilità delle applicazioni stesse, mentre oltre il 20 per cento indica che la continuità operativa è più difficile da ottenere.
  • Oltre il 56% ora si rende conto che il consolidamento crea dei colli di bottiglia nell’I/O che gli impedisce di migliorare il livello della virtualizzazione.
  • Quasi un amministratore IT su quattro (22 per cento) ha ammesso di sentirsi “bloccato” dal suo fornitore di hardware per lo storage. Un terzo di questi intervistati ha sottostimato i costi che la virtualizzazione di server/desktop avrebbe aggiunto ai loro budget di storage. Il 41 per cento di tutti gli intervistati, infine, ha dichiarato di dover gestire due o più diversi sistemi di storage dello stesso fornitore, mentre oltre il 60% sostiene di non potere gestire tutte le risorse di storage come unico pool.
  • Nonostante il clamore che suscitano le iniziative cloud, la grande maggioranza delle strutture (73 per cento) deve ancora concretizzare i benefici derivanti dai servizi cloud sul fronte dello storage. Per altro, il 70 per cento degli intervistati ha dichiarato che la caratteristica più importante dello storage legato al cloud sarebbe quella di avere accesso a più spazio su disco. Anzi: molto più spazio su disco, in modo da poter ottenere anche funzionalità di disaster recovery.
  • Il 95 per cento degli intervistati sostiene di apprestarsi nel corso dei prossimi 12 mesi a implementare software di virtualizzazione di server/desktop di VMware, Microsoft o Citrix. Secondo chi ha risposto al sondaggio, l’adozione di Microsoft Hyper-V sarebbe in crescita, mentre in cima alle preferenze ci sarebbe ancora VMware. Quasi il 65 per cento pensa di adottare VMware, mentre solo il 10 per cento dichiara di avere identificato in Hyper-V la piattaforma di riferimento.
  • Quasi la metà degli intervistati (48 per cento) sta già sfruttando i benefici derivanti dall’adozione di software per la virtualizzazione dello storage, utilizzato per contrastare le difficoltà legate allo storage nei progetti di virtualizzazione di server e desktop.

“Costi di storage non previsti, problemi di disponibilità e riduzione delle prestazioni sono i fattori più critici che portano allo stallo i progetti di consolidamento del software e di virtualizzazione del desktop,” ha detto George Teixeira, President e CEO di DataCore Software. “Le strutture IT in organizzazioni di medie e grandi dimensioni hanno deciso di adottare soluzioni software per la virtualizzazione dello storage, come SANsymphony-V di DataCore, per superare queste difficoltà operative e finanziarie sfruttando meglio gli asset di storage esistenti e le procedure standard.”

Il sondaggio online tra più di 450 strutture IT di imprese di medie e grandi dimensioni in Nord Ameria e in Europa è stato realizzato nel gennaio del 2011. Nel corso dell’indagine è stata posta una serie di domande sulla virtualizzazione e sul suo impatto sullo storage. Maggiori informazioni sui risultati dell’indagine si trovano all’indirizzo http://www.datacore.com/Software/Closer-Look/White-Papers.aspx.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok