Menu

Per IDC, disaccoppiare il WorkSpace dal WorkPlace diventa Imperativo!

Il Mix di nuove tecnologie Mobile e Cloud Computing getta le basi per una profonda trasformazione nell'impostazione dei processi aziendali e delle infrastrutture IT, cambiandone i modelli di fruizione e le prospettive d'impiego. Con nuovi vantaggi - ma anche rischi - per le imprese...

L'insieme delle tecnologie basate sul Cloud Computing e la gestione degli accessi ai servizi IT via Device Mobile costituisce la base sulla quale costruire nuovi scenari per gli attuali sistemi informativi, a totale vantaggio di Utenti e Aziende, ma se da un lato offre nuove e valide prospettive, dall'altro apre in fianco a potenziali rischi da affrontare e risolvere. Partiamo proprio dai rischi.

Il primo sta nell'accresciuta dipendenza delle aziende nell'esecuzione dei processi operativi, svincolando il "posto fisico di lavoro", dai nodi dove possono esser svolte e innescate le attività, cosa che IDC identifica con il disaccoppiamento del WorkSpace dal WorkPlace. Il che vuol dire che una caduta delle linee di accesso, un calo delle prestazioni dei sistemi o delle reti possono compromettere la normale esecuzione dei processi che, se critici, possono arrivare a bloccare persino un'intera azienda. Il secondo afferisce al mondo della sicurezza. Bisogna infatti evitare assolutamente che accessi di malintenzionati, o anche semplici operazioni eseguite in modo maldestro da persone autorizzate possano incidere negativamente sul funzionamento dei sistemi, e quindi dell'intera azienda. Il terzo è che concorrenti più svelti nell'approfittare delle nuove tecnologie, magari provenienti da altri settori, possano penalizzare l'azienda rubandole quote di mercato o margini di profitto.

Detto questo, si possono affrontare i numerosi vantaggi che la re-impostazione dei processi e delle applicazioni possono comportare sulla competitività dell'azienda accelerandone l'esecuzione e riducendone i costi. Il punto critico sta tuttavia nel ripensare non solo le infrastrutture, ma anche i processi e persino i modelli di business alla luce delle nuove opportunità che si aprono, trasformando la decisione da tecnica/tecnologica a di Management e di Business. Un cambiamento che non tutti stanno percependo in modo corretto e con tutte le implicazioni che comporta, così come rilevato da IDC.

Workspace disaccoppiati dai Workplace

La competitività si può incrementare aumentando la produttività del personale facendone ricadere gli effetti sui profitti, o sui prezzi praticati alla clientela. In entrambi i casi le ricadute sono positive perché da un lato si hanno maggiori risorse da investire - in ricerca, sviluppo o anche sulle retribuzioni del personale acquisendone di maggior livello o con più elevata motivazione - mentre dall'altro si potrà esser più efficaci nella conquista di nuovi clienti e mercati. Sfruttando al meglio le potenzialità di Cloud e Mobility si possono inoltre migliorare la Customer Experience e dar vita a nuovi modelli di business, capaci di creare nuove fonti di fatturato.

Declinando in concreto le singole aree ed i benefici che se ne possono trarre, IDC ne ha rilevato le voci attorno le quali si attestano del Best Practice della aziende "eccellenti":

- Cloud Computing: Efficienza; Standardizzazione; Digitalizzazione; Supporto alla Mobilità e ubiquità operativa; Abilitazione di nuovi servizi e prodotti.

- Tecnologie di Supporto alla Mobilità: Incremento della Flessibilità Strategica e Operativa; Accrescimento della Produttività; Miglioramento dei Livelli di Collaborazione, dei processi decisionali e della Customer Satisfaction.

IDC ritiene quindi che la Terza Piattaforma – composta dall’insieme delle Tecnologie Mobili, Cloud, Big Data e Social – guiderà la maggior parte degli investimenti aziendali in ICT nei prossimi anni, contribuendo per il 75% alla crescita del mercato mondiale ICT, dai 3.200 miliardi di dollari del 2013 ai 5.300 miliardi previsti nel 2020. La Terza Piattaforma pone al centro proprio il Cloud Computing per assicurare l’accesso alle applicazioni e ai servizi ovunque e in ogni momento; le soluzioni mobili, a loro volta, rivestono un ruolo chiave nell’aiutare le organizzazioni a trarre il massimo vantaggio da questo nuovo ecosistema applicativo.

Trasformazione da affrontare in modo Strategico

Giò oggi, molte aziende hanno avviato progetti in queste aree, principalmente nell'area della supporto alla Mobilità, ma quelle che hanno affrontato la trasformazione senza una vera e propria strategia alle spalle stanno rischiando di non coglierne tutti i benefici che sono in grado di assicurare. Infatti, al di là di dotare il personale di Device Mobili per accedere alla Mail aziendale, il vero vantaggio competitivo si conquista sviluppando una strategia olistica attraverso la quale rendere mobili non solo le persone, ma soprattutto le applicazioni aziendali e i processi, coinvolgendovi anche partner, clienti e fornitori. Da qui, la necessità di rivedere i processi e di disaccoppiare il "Workspace" dal "Workplace".

Rizzotto-FabioPer rivedere i processi in tal senso, occorre coinvolgere nella trasformazione non solo i CIO - con le loro Direzioni Sistemi - ma anche le singole Direzioni Operative (LOB - Line of Business), con il consenso e il supporto della direzione generale. Si possono così affrontare anche altri profondi cambiamenti nel modo di lavorare, includendovi elementi quali il Workspace-as-a-Service o il telelavoro.

Nell’economia digitale che prende forma occorre riscrivere logiche e processi, e introdurre forme di astrazione dal passato per guardare al domani, immaginando, disegnando e implementando nuovi schemi e modelli di relazione con gli stakeholder interni e verso il mercato. In questo passaggio, il salto di qualità in termini di ruolo e valore delle tecnologie ICT è inimmaginabile” è il commento di Fabio Rizzotto, Senior Research & Consulting Director di IDC Italia.

Un RoadShow Multicompany per toccare dal vivo la trasformazione

Con l'obiettivo di far toccare con mano cosa può voler dire mettere in atto la trasformazione verso il Cloud Computing e la Mobility a livello strategico, Google, Samsung e Wind hanno organizzato, in collaborazione con IDC Italia, un Road Showe che partirà il 2 dicembre 2014 da Padova, toccando quindi Torino il 21 gennaio 2015 e Bari il 29 gennaio.

Intitolato "Mobility Cloud come Driver per l'Innovazione in Azienda", offrirà la presentazione di alcuni dati da parte di analisti di IDC Italia e vari Case Study e Best Practice di aziende italiane, tra le quali il Gruppo Zoppas Industries, OVS e RBM Salute.

La partecipazione è gratuita, ma occorre Iscriversi.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Cookies make it easier for us to provide you with our services. With the usage of our services you permit us to use cookies.
More information Ok