Menu

Per l'Incubator Digital Magics, ROI del 300% dalla cessione dello Start Up Prestiamoci!

L'incubator milanese, quotato in Borsa, diretto da Enrico Gasperini e circondato da una serie di partner più che prestigiosi, conclude con un consistente profitto l'avviamento dello Start Up cedendolo a TrustBuddy International

Partiamo dall'inizio: qual è la missione di un "incubator"? Investire del capitale di rischio su idee e iniziative promettenti, per trasformarle in imprese competitive e, una volta avviatele, uscirne per dedicarsi a altre. E nella storia di Prestiamoci, Digital Magics riassume esattamente il significato del suo ruolo sul mercato.

Prestiamoci nasce nel 2009 come piattaforma Web per la gestione diretta di prestiti tra persone, privati e aziende, nata come progetto di Agata SpA, società iscritta all’albo degli intermediari finanziari. L'idea è raccogliere il denaro via Internet, con la stessa Prestiamoci come responsabile di una parte del finanziamento. Il tutto senza essere, né passare attraverso alcuna banca.

Di fatto, Prestiamoci.it è una Community OnLine per la raccolta di denaro finalizzato ad esser prestato a fronte di precisi progetti - di importi modesti - e a tassi convenienti tanto per chi eroga il prestito, quanto per chi ne fruisce, grazie alla intermediazione via Web e a commissioni estremamente ridotte. Molto semplice da usarsi, grazie ai due pulstanti “Richiedi un prestito” e “Fai un prestito” presenti in bella vista sulla Home Page dell'azienda. Con Prestiamoci le persone che vogliono investire denaro vengono messe direttamente in contatto con chi vuole ottenere un prestito per i più svariati motivi: ristrutturare un appartamento, comprare un’auto, organizzare un matrimonio. Per la gestione delle operazioni, Prestiamoci si avvale di professionisti esperti del settore e propone ai prestatori – che vogliono investire capitali e guadagnare – prestiti selezionati, mentre ai richiedenti offre tassi di interesse più bassi rispetto al mercato. 

Servizio concreto, utile, conveniente, semplice da usarsi, quindi successo rapido: attualmente i prestatori attivi sono 468 e il capitale investito è pari a 1,6 milioni di euro. Ma con alcuni evidenti limiti di crescita strutturale, sia sul mercato nazionale, sia su quello internazionale. Così, per sostenere la crescita, nel tempo, si è presentata la necessità di effettuare alcuni aumenti di capitale, l'ultimo dei quali di 450.000 euro, al quale Digital Magics - che già ne aveva condiviso uno nell'ottobre 2013 entrando nel capitale dell'azienda - ha partecipato investendo 107.000 Euro, per un totale tra le varie fasi di circa 300.000 Euro.

Ora, l'operazione finale. Che forse, proprio finale non è, ma che costituisce un importante passo per la valorizzazione dell'investimento fatto e l'eventuale rilancio su scala più grande.

TrustBuddy, l'acquirente

Quotata al Nasdaq Omx di Stoccolma, la svedese TrustBuddy ha deciso di acquisire Prestiamoci per 5,3 milioni di euro, dei quali 1,5 in contanti, il resto (3,8 milioni) in azioni. Nata nel 2009 in Norvegia, TrustBuddy è oggi la maggiore piattaforma di intermediazione nella concessione di prestiti a breve termine e dal 2011 è l’unica società di social lending al mondo a essere quotata. TrustBuddy è attiva sul mercato di 9 Paesi europei, conta oltre 300.000 utenti e sette sedi.

Gasperini-EnricoIl conferimento delle azioni TrustBuddy avverrà a una valutazione di mercato che sarà fissata in prossimità del closing. I soci di Prestiamoci riceveranno anche 10 milioni di opzioni di acquisto delle azioni di TrustBuddy, con un rapporto di concambio di 1 opzione entro il 2018 a uno strike price pari al 160% del prezzo medio del titolo in prossimità del closing. Quest’ultimo sarà effettuato entro due settimane dall’ottenimento delle autorizzazioni da parte delle autorità competenti.

Prestiamoci si fonderà quindi con TrustBuddy International AB.

Da questa operazione, Digital Magics realizza una plusvalenza del 300%, pari a 1,2 milioni di euro, corrispondenti al 22,4% delle quote detenute, ma ha anche l'opportunità di seguire la crescita della società su scala internazionale. E in questo, dimostra concretamente il valore della missione di Incubator e il potenziale che hanno le Start Up in questa nosta era di "Digital Disruption".

Il commento di questa storia è di Enrico Gasperini, Presidente di Digital Magics: "Questà è la settima cessione di società che completiamo, ma al momento risulta la migliore di tutte in termini di Irr.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Cookies make it easier for us to provide you with our services. With the usage of our services you permit us to use cookies.
More information Ok