Menu

Spam: l'Italia sempre al terzo posto

Il report delle minacce del primo trimestre pubblicato da Trend Micro, oltre a riconfermare per il nostro Paese il triste primato presenta le nuove tendenze dei cyber criminali che ormai prendono di mira obiettivi sempre più inusuali.

Stando al Report appena pubblicato da Trend Micro, l’Italia si piazza al 3° posto nella classifica delle nazioni che spammano di più, a pari merito con l’Argentina, dietro a Stati Uniti e Spagna. Un dato piuttosto diverso da altre fonti che vedono in cima alla lista Paesi molto diversi, tipo Cina, Russia e Corea, ma che riflette i dati rilevati da Trend Micro attraverso i propri sistemi di monitoraggio.

Il Report, intitolato “La criminalità informatica colpisce obiettivi inattesi”, scaricabile liberamente cliccando sul suo titolo, evidenzia ancora una volta come nel tempo si sia passati da un modello di criminalità informatica senza evidenti secondi fini, ad uno nel quale il denaro diventa l'obiettivo primario, con attacchi sferrati a tutto campo e nelle forme più diverse attraverso le quali potersi arricchire disonestamente a scapito degli altri. In tale scenario sono cresciuti notevolmente gli attacchi ai terminali PoS, le rapine digitali che hanno colpito anche i BitCoin, lo sfruttamento delle vulnerabilità degli apparati mobili - primo fra tutti Android - per carpire dati riservati e password di accesso. Non per nulla, il numero di Malware per dispositivi mobili continua a crescere, dopo aver toccato nel mese di marzo il record di 2 milioni.

In Italia ha riscosso grandi risultati anche la forma di ricatto utilizzata dai sistemi di ransomware che bloccano il computer del malcapitato al quale viene estorto del denaro per ripristinarne il sistema. Questo favorito anche dal faco che l’Italia è nella top ten dei Paesi con il più alto numero di utenti che hanno cliccato Link malevoli.

Una delle forme più comuni - e insidose - utilizzate per aggredire i Device Mobili è rappresentata da APPs camuffate da altre omonime o simili, che invece contengono del dannoso Malware in grado di compromettere l'apparato dell'utente.

Le due forme di attacco in maggior crescita colpiscono oggi i servizi di Banking OnLine e i PoS della Grande Distribuzione (USA), nonché le compagnie di Carte di Credito (Corea del Sud). Un'avanguardia che presto potrebbe interessare anche l'Italia. Un altra forma di attacco in forte crescita è quella basata sulle truffe di ingegneria sociale che scattano dopo aver creato una relazione più o meno fittizia con la vittima designata.

TrendMicro-2014-Malware

Come dato di sintesi, nel solo mese di marzo 2014, la Smart Protection Network, la rete globale per la raccolta e l’identificazione delle minacce di Trend Micro, ha bloccato:

  • 5 miliardi di indirizzi IP che mandavano Spam;
  • 248 milioni di siti maligni;
  • 827 milioni di file maligni;
  • 6,13 miliardi di minacce totali.

Attenti al Tor

Il Tor e la rete mondiale di Server che ha l'obiettivo di promuovere la ricerca e lo sviluppo della Privacy OnLine. Tuttavia, l’anonimato che offre si è trasformato in una piattaforma molto gettonata dai criminali informatici. Il Deep Web, spesso nel passato associato al Tor, è stato infatti utilizzato dai cyber criminali grazie alla sua capacità di bypassare i crawler dei motori di ricerca, consentendo loro di rimanere anonimi. Nello scorso mese di marzo, Tor è stato sfruttato da CRIGENT che ha utilizzato Windows® PowerShell® per diffondersi mediante script prima del download di due noti strumenti anonimi online, uno dei quali coinvolgeva proprio la rete Tor. Anche la variante di ZeuS/ZBOT a 64 bit citata in precedenza ha sfruttato Tor per nascondere le comunicazioni con i server C&C.

Il fatto che il client Tor sia semplice da installare ha permesso ai criminali informatici di eseguire operazioni com plesse senza dover implementare ulteriori file di configurazione. I servizi nascosti offerti da Tor potrebbero anche spingere i criminali informatici a sfruttare ulteriormente questa rete nei prossimi mesi.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok