Menu

Public Cloud in crescita del 18% nel 2017. Le previsioni di Gartner

Le prioiezioni di Gartner danno in crescita significativa il mercato delle Public Cloud, ma valutano ancor più importante l'impatto sulle decisioni di acquisto di servizi IT delle grandi imprese, il 50% delle quali ne saranno fortemente condizionate.

Proprio oggi, Gartner ha pubblicato le proprie previsioni sul mercato Cloud e non solo. Il dato più interessante riguarda l'impetuosa crescita delle Public Cloud, che con un tasso del 18%, nel 2017 raggiungeranno il ragguardevole fatturato di 246.8 miliardi di dollari, contro i 209.2 del 2016. A farla da padrone sarà il segmento delle IaaS (Infrastructure as a Services) che crescerà del 36.8%, per un giro d'affari che sfiorerà i 35 miliardi di dollari. Crescita quasi doppia rispetto al Software as a Service (SaaS) che manterrà una quota più alta nel segmento, con 46,3 miliardi di dollati, ma un tasso di sviluppo di "solo" il 20.1%.

Previsioni Gartner per il mercato Cloud 2017

"Nel suo insieme, il mercato mondiale delle Public Cloud entrerà in un progressivo periodo di stabilizzazione che raggiungerà il picco del 18% nel 2017, per poi cominciare a calare negli anni successivi." è il commento di Sid Nag, Direttore della Ricerca di Gartner. "Mentre alcune organizzazioni stanno ancora valutando quale ruolo attribuire ai servizi Cloud nell'ambito delle proprie strategie dei sistemi informativi, considerandone le potenziali riduzioni dei costi di esercizio, piuttosto che i contributi che possono dare alla DIgital Transformation, altre continuano ad associarle alle classiche forme di Outsourcing (ITO). In ogni caso, da qui al 2020, le strategie di adozione di piattaforme e servizi Cloud influenzeranno le decisioni di acquisto di oltre il 50% delle imprese nell'ambito dei servizi di IT Outsourcing."

Sul tavolo, nelle valutazioni delle imprese relativamente al Cloud Computing ci sono molte variabili che caratterizzano le opportunità derivabili dall'adozione di piattaforme e/o servizi di Cloud Computing. Ad esempio, si va dai potenziali incrementi di flessibilità nelle infrastrutture, alla maggiore scalabilità, dalle riduzioni dei costi, alla rapidità nell'attivare servizi innovativi in grado di favorire la crescita dell'azienda. In ogni caso, sebbene le scelte di esternalizzare servizi e componenti IT non saranno sinonimi di Outsourcing o di Cloud Computing, la prima opzione andrà sempre più nella direzione di quest'ultima, condizionando valutazioni e comportamenti, anche in base alla rapidità di implementazione delle nuove soluzioni.

In prospettiva, per Gartner, oltre il 50% delle grandi imprese del Nord America avranno già nel 2017 una combinazione di servizi Cloud, tra applicazioni SaaS e altre forme di servizi, a cominciare dall'IaaS. Un fenomeno che coinvolgerà anche le medie e piccole aziende, mano a mano che acquisiranno più dimestichezza con questi nuovi ambienti.

Cloud first anche per il software

Questo orientamento avrà un impatto diretto anche sui produttori di software: entro il 2019, per più del 30% dei 100 più grandi produttori di software investirà e proporrà prodotti/servizi che pongono la versione Cloud al primo posto, mentre altri considereranno l'opzione Cloud come unica forma di fornitura.

Il mercato SaaS, che è costituito da applicazioni e servizi fruiti in proprio, ma erogati e gestiti da fornitori terzi, che comprende, tra le altre, le applicazioni per la gestione del personale piuttosto che quelle per la gestione dei clienti (CRM - Customer Relationship Management) è destinato a rallentare la crescita grazie alla progressiva maturità dei prodotti/servizi. Ciononostante, continuerà a costituire il secondo segmento per importanza, sebbene insidiato sempre più da vicino dall'IaaS che ha dei tassi di crescita ben più elevati.

La crescita dell'IaaS è da attribuirsi essenzialmente a tre fattori:

  1. la necessità di migrare dagli ambienti che ne tempo vanno in obsolescenza;
  2. la domanda di sempre maggior potenza elaborativa e capacità di Storage, condizionata dal diffondersi dell'uso di Big Data e Analytics, così come dall'impiego di soluzioni basate sull'IoT (Internet of Things)
  3. la necessità di competenze specialistiche sempre più sofisticate, non facilmente reperibili e tanto meno adeguatamente remunerabili da parte di una singola azienda.

A questo, si aggiunge la maggior diffusione dell'impiego di Platform as a Service (PaaS), sempre più e meglio integrate con l'IaaS.

Tutti i dettagli dell'indagine di Gartner sono reperibili nel report: "Forecast Analysis: Public Cloud Services, Worldwide, 4Q16 Update".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto