Menu

L'iPhone per la navigazione in mare? Mitico!

L'iPhone per la navigazione in mare? Mitico!

Bastano un paio di Apps, tipo Navionics e WindGuru per sostituire gran parte degli strumenti di bordo...

Quest'anno, per celebrare il trentesimo compleanno della mia barca Elisabeth, un Comet 11 del 1981, grande compagna di avventure e navigazioni su e giù per il Mediterraneo, ho deciso di portarla a Malta, unico Paese d'Europa dove il divorzio non è ancora ammesso.

A bordo, in  tutti questi anni, ho installato tutta l'elettronica possibile, aggiornandola di tanto in tanto per obsolescenza o rotture. Ad esempio, a fine stagione, lo scorso anno, in una virata sotto raffica, a un membro dell'equipaggio è sfuggita di mano la scotta del genoa, finita violentemente sullo schermo dell'ecoscandaglio distruggendolo.

Così, quest'anno faceva sfoggio di sé un ecoscandaglio/log nuovo di zecca, comprato in UK su Amazon e pagato circa la metà di quanto chiestomi in Italia (!).

Una Apps per GPS cartografico

Non essendo mai stato a Malta ed avendo un GPS che usa cartucce C-Map di vecchia generazione non più reperibili sul mercato - e tantomeno aggiornate - prima di partire ho fatto un rapido giro su internet alla ricerca di una carta elettronica della zona e... miracolo: per meno di 10 Euro ho scaricato l'Apps di Navionics, con tutta la carta dettagliata del Sud Mediterraneo.Piuttosto scettico della sua funzionalità, ho anche comprato una carta tradizionale che... non si sa mai!

Subito la prima sorpresa: sul piccolo schermo dell'iPhone mi sono trovato la carta completa con la possibilità di zoommare fino a livelli di dettaglio che neppure il mio GPS è in grado di fare. Ma sorpresa delle sorprese, le carte potevano essere sovrapposte alle immagini aeree di Google, così da avere sia la vista cartografica che quella tridimensionale. E per di più, senza neppure la necessità di connettersi, visto che in mare aperto trovare un nodo WiFi è piuttosto difficile...

Fatta la rotta, in secondi ed usando solo tre click con le dita, ho avuto subito direzione e distanza. Non male. Specie per 10 Euro.Ma il bello doveva ancora venire: salpata l'ancora e issate le vele abbiamo cominciato a navigare. Fedele al suo compito, il nuovo log ci dava la velocità e la distanza percorsa, mentre il GPS ci tracciava sulla carta elettronica, segnalando le miglia mancanti e non quelle percorse, visto che a vela le due cose non coincidono mai.

A questo punto, giusto per curiosità, abbiamo dato un'occhiata allo schermo dell'iPhone e... incredibie: velocità istantanea, traccia della rotta percorsa, direzione della prua, più un mucchio di dettagli insospettabili prima di partire.Giunti a Gozo, apriamo la carta - di carta - e scegliamo dove ormeggiare. Dopo di che riguardiamo i dati dell'iPhone e: altro che solo la costa ed i dati della Marina. Indicazioni su dove trovare assistenza, dove mangiare, dove fare cambusa. Il miglior Portolano umiliato da una semplice Apps da 10 Euro. Grande.

Il Meteo da Internet

L'altro problema ricorrente in barca è il Meteo: che tempo farà? Vento, raffiche, mare: tutte informazioni necessarie per pianificare una rotta tranquilla, base di una vacanza sicura e serena.Problema tradizionalmente risolto dai bolletini Meteomar dell'Aereonatuca Italiana, trasmessi continuamente via radio ed aggiornati ogni 12 ore. "Stretto di Sicilia, Forza 3 Nord Ovest, tendenza Forza 4". Questo lo stringato messaggio che arriva in una sequenza interminabile che comincia dal quadro generale e termina con i mari dell'Egeo. Beh, tutto sommato affidabile e gratuito.

Ma si può fare di meglio? Due servizi Internet, sempre accedibili via iPhone, surclassano ormai per dettagli - e affidabilità - il glorioso Meteomar: per lo stesso prezzo - ovvero gratis - Il Meteo (ilmeteo.it) e WindGuru (www.windguru.cz) oltre a dare informazioni dettagliate ora per ora sulle specifiche località di proprio interesse, forniscono indicazioni sull'esistenza e l'intensità delle raffiche, sulla direzione e l'altezza delle onde, sugli sviluppi a 7 giorni.Quanto all'affidabilità, basta questo: tornando da Malta, verso Licata, il 16 agosto Meteomar dava Maestrale Forza 3, con tendenza in aumento. Gli altri due calma pressoché piatta (vento a 3/5 nodi, che vuol dire nulla). Risultato? Una smotorata da 12 ore, in un mare neppure increspato, tranquilla sì, ma per chi va a vela decisamente troppo!

Conclusione? Non oso immaginare cosa potrò fare l'anno prossimo quando con il mio nuovo iPad 3 potrò fruire degli stessi servizi, ma con uno schermo decisamente più adeguato alla situazione.

Per ora, grazie iPhone.

Ultima modifica ilMartedì, 19 Marzo 2013 22:15

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto