Menu

Windows 10: il giorno si avvicina. Aggiorniamo gratuitamente gratuitamente XP e Vista con l'Insider Program

Il 29 luglio, data del rilascio ufficiale di Windows 10, è ormai qui. Prepariamoci. Nella prima parte di questa serie, abbiamo iniziato ad affrontare l'aggiornamento a Windows 10. Ma la sorpresa migliore è che c'è pure un modo per aggiornare gratuitamente anche le nostre macchine più datate, dando loro una nuova vita, rinviandone il momento della rottamazione. Vediamo come.

Nel post scorso, abbiamo dato la panoramica delle azioni da svolgere per aggiornare i sistemi della propria impresa a Windows 10. Cominciamo ora a svolgere i primi passi, a partire dalle verifiche di compatibilità del sistema con il nostro hardware ed il software che vi abbiamo installato.

Dobbiamo subito fare un distinguo: partiamo da una macchina con Windows 7 o 8, oppure da una precedente?
Nel primo caso, attiveremo questo Tool di Microsoft: http://go.microsoft.com/fwlink/p/?LinkId=261871; nel secondo quest'altro: http://go.microsoft.com/fwlink/p/?LinkId=321548.

Per l'esecuzione dell'applicazione di verifica sono bastati una decina di minuti tanto sulla macchina con Windows 7, quanto per quella con Windows XP.

In entrambi i casi abbiamo ottenuto lo stesso risultato: l'aggiornamento si può fare ma tutte le applicazioni installate andranno re-installate. Cosa che impone una volta di più l'esecuzione di un buon Back-up (e per buono intendo testato anche in fase di Restore...) prima di iniziare.

Per comodità ricordiamo qui le caratteristiche irrinunciabili richieste a livello Hardware:

  • > microprocessore da almeno 1 GHz con supporto di PAE, NX, e SSE2;
  • > 1 Gb (32 bit) o 2 Gb (64 bit) di RAM;
  • > 16 GB (32 bit) o 20 GB (64 bit) di spazio libero su disco rigido;
  • > scheda grafica che supporti Microsoft DirectX 9 con driver WDDM.).

Giusto per i meno tecnici, ricordo che SSE2 è un set di istruzioni sempre più usato dai produttori di applicazioni e di Driver, NX fornisce delle funzioni di protezione contro il software maligno, mentre PAE permette ai processori a 32-bit di andare oltre il limite di 4 Gb di RAM.

Meglio anche consultare il Centro di Compatibilità creato da Microsoft e in continuo aggiornamento: http://go.microsoft.com/fwlink/p/?LinkId=314080.

Prepararsi infine a dover installare autonomamente i Driver di eventuali apparati particolari che abbiamo collegato alla nostra macchina. Le istruzioni dettagliate da seguire sono qui: http://windows.microsoft.com/it-it/windows-8/all-drivers.

Dopo di che, occorre scaricare il software di Windows 10 dalla rete. Anche in questo caso, dovremo scegliere la versione da installare, distinguendo opportunamente tra quella a 32 e 64 bit. Se abbiamo dei dubbi, basta aprire il pannello di controllo di Windows e andare sulla voce realtiva alle prestazioni del sistema.

Windows10 Insider PreviewPrima, bisognerà tuttavia iscriversi al programma "Windows 10 Insider Preview": nessun problema, basta dare alcuni dati e, gratuitamente, si verrà abilitati a partecipare alle fasi di valutazione iniziale, senza ulteriori formalità. La pagina sulla quale iscriversi è questa: https://insider.windows.com/Home/Index. Ed è proprio seguendo questa via che si potrà installare Windows 10 su una macchina XP, senza dover pagare alcuna licenza di aggiornamento. Proprio come per gli utenti di Windows 7 e Windows 8.

Per sapere se installare la versione a 32 o 64 bit, andiamo quindi in "Tipo Sistema". Nella sezione Sistema troviamo  l'indicazione sulla versione di sistema operativo in uso e quindi scegliere di conseguenza.

Ora, se il Download dell'Utility di verifica è cosa di poco conto (5/6.000 Kb), per scaricare Windows 10 occorre molto più tempo, così in parallelo si potrà consultare la posta, predendere un caffé, fare qualche telefonata.

Si tratta infatti di scaricare un File da circa 3 Gb, per il quale con la nostra linea ADSL c'è voluta oltre mezz'ora.
Attenzione: se lanciamo l'operazione proprio il 29 luglio, o nei giorni immediatamente successivi, rischiamo di veder degradati i tempi di risposta: l'operazione riguarda infatti centinaia di milioni di PC, che se tutti insieme si attivano sono in grado di far cadere qualsiasi linea di comunicazione!

Al termine del Download avremo un File in formato ISO, dal quale sarà possibile lanciare l'installazione del sistema già dopo l'accensione della macchina. A patto di averlo trasferito su di un DVD e di aver detto al PC di cercare il sistema operativo sul lettore di DVD. Per trasferire il File su di un DVD potremo utilizzare un qualsiasi Tool, tipo Nero o similari.

Come alternativa potremo trasferire il File su di una chiavetta USD, da almeno 4 Gb: l'installazione sarà molto più rapida e semplice (si passa da una velocità di scrittura 1 Mb al secondo di DVD, a 10 Mb al secondo delle chiavette USB). A tal punto, che la stessa Microsoft sta pensando di consegnare Windows 10 ai clienti su una chiavetta USB....

Per trasferire e trasformare il File "immagine" in formato ISO, in un File installabile da chiavetta possiamo usare il Tool gratuito messo a disposizione dalla stessa Microsoft: https://www.microsoft.com/en-us/download/windows-usb-dvd-download-tool. Dopo di che, la strada viaggia in discesa: si attiva il Tool, si trasferisce il file ISO su una chiavetta da almento 4 Gb, si riavvia il sistema dalla chiavetta.

Attenzione: per gli utenti d machine XP è indispensabile installare, prima di procedere, Microsoft .NET Framework v2 (eventualmente scaricandola da http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=0856EACB-4362-4B0D-8EDD-AAB15C5E04F5&displaylang=en e Microsoft Image Mastering API v2 da scaricarsi da http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyId=B5F726F1-4ACE-455D-BAD7-ABC4DD2F147B&displaylang=en.

Ultima modifica ilLunedì, 27 Luglio 2015 14:48

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto