Menu

Lo Stato dell'Arte del Marketing a tutto Digital per il 2014: i dati dell'indagine di SalesForce.com

Per i ritorni d'investimento, in cima a tutto l'e-Mail Marketing, mentre per i contenuti la palma d'oro va ai Video con una tendenza che prefigura una combinazione sempre più stretta tra i due.

Nei giorni scorsi, Salesforce.com ha pubblicato la nuova edizione della sua indagine "Exacttarget Marketing Cloud 2014 State of Marketing", uno studio che ha coinvolto 2.600 responsabili Marketing di vari settori merceologici svolto alla fine del 2013. Globalmente, tutti i responsabili marketing hanno dichiarato di avere un Budget 2014 in crescita rispetto al 2013, in alcuni casi in modo sostanziale. Per il 67% degli intervistati la priorità assoluta sta nell'incrementare le vendite dirette della propria azienda sfruttando le possibilità offerte dal Digital Marketing, a cominciare dall'e-Mail Marketing, l'attività che ancora oggi dimostra di continuare ad assicurare i maggiori ritorni di investimento per chi è in grado di utilizzarlo in modo efficace.

Un dato molto interessante, ribadito anche dall'analista di Gartner Laura McLellan, è che la crescita di investimenti in IT effettuati direttamente dai Direttori Marketing continua molto sostenuta, al punto che si prevede che entro il 2017 i Budget IT del Marketing saranno superiori a quelli gestiti dalle Direzioni Sistemi. Una competizione che abbiamo giù avuto modo di evidenziare in questo post: "CMO / CIO: Lontani, ma Forzati a Lavorare Sempre di Più Assieme!"

Guardando in estrema sintesi le aree nelle quali le aziende hanno incrementato i propri Budget in Marketing per il 2014 abbiamo:

  1. Data & Analytics, che il 61% degli intervistati vede in crescita rispetto al 2013, sebbene si tratta di aree di forte sovrapposizione con l'EDP;
  2. Piattaforme di automazione delle campagne di Marketing, anch'esse viste in crescita dal 61% delle aziende e anch'esse molto vicine ai compiti dell'EDP;
  3. L'e-Mail Marketing, in aumento nel 58% delle aziende, superando così la crescita degli investimenti in Social Media, sia pure di un solo punto percentuale (57%), a pari merito con il Content management (57%).

Priorita-Marketing-2014

e-Mail Marketing in cima a tutto

Sebbene da molte parti si celebrano già i funerali dell'e-Mail Marketing colpito al cuore dai Social Media, i dati dimostrano esattamente il contrario. Per il 68% dei 2.600 intervistati l'e-Mail Marketing è centrate per le loro attività di comunicazioni per un gran numero di ragioni:

  • Ha un impatto diretto sulle prestazioni dell'azienda (42%);
  • Costituisce un fattore critico di competizione e per l'erogazione di prodotti e servizi (42%);
  • E' un generatore diretto di ricavi e contatti, correlabile in modo diretto alle attività dell'azienda (16%).

In sintesi, l'88% dei responsabili marketing concorda nell'affermare che l'e-Mail Marketing assicura buoni ritorni d'investimento, avendovi dedicato del personale e (per il 49% degli intervistati) gestendo un traffico annuale di oltre 500.000 e-Mail.

I Social Media non perdono comunque il loro smalto, ma ai tradizionali Facebook, Twitter e LinkedIn se ne stanno affiancando altri: Google+ (pianificato dal 18% degli intervistati), SlideShare (dal 17%), alla pari di Blog e Podcast, seguiti da Pinterest (16%). Alla base di queste scelte ci sono consistenti investimenti nella produzione di contenuti di vario genere, fondamentali per tutti questi tipi di siti e la pressione di Google nel premiarli nei risultati delle ricerche molto più di qualsiasi attività SEO. 

Cambia la progettazione delle interfacce: il Responsive Design diventa imperativo!

Le rilevazioni indicano anche che a fine 2013 il numero di Device mobili ha superato il numero di abitanti del mondo, con una proiezione in base alla quale nel 2017 ci saranno 1,4 Device mobili per ogni abitanti, con una netta prevalenza di accessi a Internet e di consultazione della posta elettronica fatti via Tablet o SmartPhone. Il che vuol dire che anche il modo in cui vengono progettate le interfacce utente (maschere, menù, comandi di navigazione, gestione delle immagini) va riconsiderato tenendo presente la variabilità delle dimensioni degli schermi.

In generale, questo impone l'adozione delle tecnologie di Responsive Web Design (RWD) in grado di ridimensionare immagini e schermate in modo che siano facilmente fruibili indipendentemente dagli schermi usati da chi vi accede, riconoscendoli in automatico e rivedendone adeguatamente Layout e funzioni di scorrimento. Cosa che implica la ridefinizione dei fogli di stile (CSS) e l'impostazione di immagini e caratteri da esprimere in modo parametrico e non più prefissato.

Un percorso ancora molto lungo da compiere, visto che mendo del 42% delle imprese hanno iniziato a considerare la revisione dei propri siti in tal senso e ancor meno lo stanno facendo per le e-Mail e le DEM.

Certamente un'attività prioritaria per il 2014 e il 2015, visto che il 67% dei Direttori Marketing intervistati hanno dichiarato l'invio di e-Mail fondamentale per la propria azienda, anche grazie agli elevati ritorni che genera, al punto che il 57% di essi ne incrementerà il numero e la frequenza degli invii (il 49% degli intervistati ha pianificato di spedire più di mezzo milione di e-Mail nel 2014!). A questo punto, il problema diventa fare in modo che le Mail vengano aperte, lette e cliccate, cosa per la quale risulta indispensabile porre molta attenzione sui contenuti e sulla fidelizzazione nella relazione mittenti-destinatari. Area sulla quale si dovranno focalizzare molte imprese.

Tra i Social Media, forte attenzione su Google +, SlideShare,i Blog e i Podcast

Nonostante i ritorni di investimento siano generalmente inferiori a quelli dell'e-Mail Marketing - e spesso neppure calcolati - anche i Social Media continueranno ad esser molto gettonati dalle Direzioni Marketing delle imprese, con una forte crescita prevista per Google + (18%), SlideShare (17%), i Blog (17%) ed i Podcast (17%), seguiti da Pinterest (16%), in aggiunta a quanto già in corso su Facebook, Twitter, LinkedIn e YouTube.

In questo caso, i problemi più difficili da superare ruotano attorno all'effettiva capacità di targettizzare al meglio i propri contenuti, correlandole a metriche affidabili per rilevarne gli effetti. Si tratta di un'area nella quale al momento c'è molto fermento, ma che è ancora in piena maturazione imponendo a chi vi investe la necessità di valutare attentamente le azioni da svolgervi ed i ritorni che se ne traggono.

Un segmento di grande successo - ed effetto - continuerà ad esser quello dei Video (quindi innanzitutto di YouTube), capace di raccogliere in breve tempo milioni di visite e condivisioni, grazie anche al trattamento privilegiato che ricevono dai motori di ricerca. La combinazione e-Mail / Video va considerata pertanto una delle formule vincenti per i prossimi anni.

 

Ultima modifica ilVenerdì, 28 Febbraio 2014 10:30

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto